giovedì 6 dicembre 2018

RIVISTA INF FEDERATION FOCUS





Riceviamo dalla FENAIT e alleghiamo il numero di dicembre della rivista INF FEDERATIONS FOCUS (in lingua inglese).




martedì 23 ottobre 2018

BUON COMPLEANNO "LIBURNIA"!!!




Il 16 settembre 2018 l’Associazione Naturista Umanista LIBURNIA ha compiuto 50 anni!

Il 16 settembre 1968 quattro amici, Fabio Gregorat, Sergio Gregorat, Romano Mantani e Dario Vidmar, stilato il primo statuto, firmarono davanti al notaio Lassiani in Trieste l'atto di fondazione dell'Associazione Naturista Umanista LIBURNIA.

Da allora l’Associazione è stata ed è tuttora portatrice dell’ideale naturista ed ha contribuito al consolidamento  dello stesso a livello locale, nazionale ed internazionale.

Un approfondimento su ciò che la Liburnia ha fatto in questo cinquantennio lo si trova sotto la voce “La storia del naturismo a Trieste e in Italia” sul nostro sito www.liburniats.org  , e in un articolo intitolato “I 46 anni della Liburnia di Trieste” pubblicato sul numero 61 di INFONATURISTA, che aggiorna ulteriormente l’operato dell’Associazione (clicca qui).
L’attività degli ultimi anni è tuttora consultabile sempre sul nostro sito www.liburniats.org .

Ad un inizio pionieristico è seguita una crescita costante, che ha portato negli anni ‘80/’90 ad un numero di soci superiore  alle 500 unità; numero poi risultato in lenta e costante decrescita, forse per una disaffezione della causa naturista, non trovandola più una novità da provare, o forse  per non aver saputo far proprio lo spirito naturista.
Nonostante ciò, in questi ultimi tre anni c’è stata un’inversione di tendenza con l’acquisizione di nuovi soci – tra le dieci e le venti unità annuali – a parziale contenimento delle defezioni, e
a dimostrazione che l’interesse per il mondo naturista non è morto.

"ISTRA" ADDIO


   Chiude l’Autocamp Istra di Funtana/Fontane. 
     Al suo posto un resort tessile.





Le voci si rincorrevano ormai da tempo, eppure la notizia giunta all’indomani di Ferragosto che il Campeggio Istra di Funtana/Fontane nell’Istria croata, dalla stagione 2019 si trasformerà in un resort tessile ha lasciato sconsolati e sgomenti noi e tutti i numerosi seguaci del Naturismo che da oltre 40 anni trovavano un sicuro punto di riferimento all’ombra della sua rigogliosa vegetazione mediterranea. Si realizza così un progetto che ancora una volta sacrifica la natura alla ricerca del profitto immediato.
Già alla fine della stagione 2017 la direzione ci aveva informato sull’esecuzione di “alcuni lavori” destinati asseritamente a migliorare l’offerta turistica: ad aprile di quest’anno, in occasione della consueta visita primaverile, ci siamo trovati di fronte ad un enorme cantiere aperto, brulicante di scavatrici e autocarri, fango dappertutto, tanto che la struttura non è stata agibile praticamente fino alla fine di maggio, e anche in seguito ha continuato a dare un’impressione di totale provvisorietà, con buche mal coperte, rappezzi, ferri ruggini sparsi, rimasugli di cavi elettrici abbandonati qua e là.
Ma quel che è peggio, migliaia di lecci, querce ed altri alberi tipici della costa istriana sono stati sacrificati alla costruzione di una enorme strada larga oltre 20 metri che corre lungo l’intero perimetro della penisola, opera faraonica  quanto assurdamente inutile, completa di rotonde e aiuole spartitraffico, impossibile da attraversare se non in virtù di pochissimi varchi, e che isola di fatto la parte alta del campeggio da quella a mare.
E le romantiche terrazzette ombrose destinate alle tende, che qualche lungimirante progettista aveva concepito in maniera di salvaguardare alberi e sottobosco, sono state totalmente sbancate per fare posto a nuove piazzole “luxury”: una desolante teoria di riquadri di ghiaia, tutti uguali, tutti senza un filo d’ombra, che più di una sorridente vacanza richiamano l’immagine di un accampamento di terremotati.
E quest’estate è giunta la notizia della definitiva trasformazione: altre migliaia di alberi verranno abbattuti, questa volta per lasciare posto a piscine, scivoli e giochi d’acqua, piazzette lastricate di cemento, con boutiques, pizzerie e bar con musica a palla e intrattenimenti di vario genere, esattamente come per altre migliaia di villaggi turistici di tutto il mondo. Il tutto, beninteso, destinato esclusivamente ad un pubblico rigorosamente provvisto di costume da bagno.
Peccato. Amavamo il campeggio Istra proprio per i suoi alberi, per le sue pietre, per la sua terra rossa, per i suoi scoiattoli e le sue lepri. Lo amavamo per la possibilità che offriva di un sereno rapporto con la natura e che ne faceva un posto speciale, un posto del cuore. Di un altro banale resort a 5 stelle non sappiamo proprio che farcene.

NOTIZIE DA "IL PICCOLO"


RIVISTA INF FEDERATION FOCUS




Riceviamo dalla FENAIT e alleghiamo il numero di ottobre della rivista INF FEDERATIONS FOCUS (in lingua inglese).



clicca qui

giovedì 16 agosto 2018

RIVISTA INF FEDERATION FOCUS

Riceviamo dalla Fenait e alleghiamo il numero di agosto della rivista INF FEDERATIONS FOCUS (in lingua inglese).


clicca qui


2 NUOVE SPIAGGE IN SARDEGNA


Riceviamo dalla Fenait e prontamente divulghiamo!

Dal 1 agosto 2018, l’Italia raggiunge il traguardo della decima spiaggia naturista ufficialmente riconosciuta.
Entra da quella data infatti in vigore l’ordinanza n. 79 del 26 luglio 2017 con la quale il Sindaco di Sassari ha individuato un tratto di spiaggia destinato al turismo naturista in Località Porto Ferro di Sassari, nell’ultima caletta delimitata dalle due torri costiere denominate Torre Bianca e Torre Negra.

“”
Porto Ferro è una baia e una spiaggia della costa nord-occidentale sarda verso il mar di Sardegna, fra il Capo dell'Argentiera e capo Caccia.

Situata nella Nurra del comune di Sassari, è nelle vicinanze della frazione di Villa Assunta e del lago di Baratz, unico lago naturale della Sardegna, da cui è separata dal sistema dunale e dalla pineta.
L'estremità settentrionale della baia, con la Torre Bianca e la Torre Negra
Porto Ferro è un'insenatura profonda nella costa, al termine della quale si trova la spiaggia lunga due chilometri, con una sabbia di color giallo-rossastro da cui prende nome. È chiusa da scogli e rilievi in trachite rossa, sorvegliata per la minaccia dei saraceni ben tre torri di avvistamento spagnole del XVII secolo: torre di Bantine Sale o Torre Mozza a sud, torre Negra o Capo Negro e torre Bianca o di Airadu a nord. Nelle vicinanze sorgeva il villaggio medievale di Barace, i cui abitanti commerciavano il sale. È spesso frequentata per il surf e windsurf data la notevole ventosità e altezza delle onde.
È possibile accedervi dalla strada provinciale 55 bis o dalla strada provinciale 69. Dista circa 35 km da Sassari, 32 km da Porto Torres, 20 km da Alghero e 15 km dall'aeroporto di Alghero.

Domenica 12 agosto 2018 è stata inaugurata la seconda spiaggia naturista della Sardegna, si trova nel Comune di Arbus, nella zona litoranea denominata "Piscina Sud".

Arbus è un centro agro-pastorale della provincia del Sud Sardegna, conosciuto per le località balneari della Costa Verde e per la frazione di Ingurtosu (le miniere dismesse sono una meta turistica), la spiaggia principale (Piscinas) comprende uno dei sistemi di dune più grandi d'Europa.

Queste concessioni sono frutto di un buon lavoro svolto fra l'Associazione SARDEGNA NATURISTA e le autorità locali.



lunedì 23 luglio 2018

47° GALA' DI NUOTO INF - LE HAVRE (FR)

INVITO AL 47° GALA' DI NUOTO 2018

Cari amici naturisti,
la Federazione Naturista Francese FFN organizza a nome della INF-EUNAT.COM e
con la collaborazione dell'associazione
Club du Soleil de la Porte Océane, Le Havre
e Vi invita a partecipare al 47°galà di nuoto 2018 dal 26 al 28 Ottobre 2018 presso la
piscina municipale di Le Havre:
indirizzo : 37, Cours de la Republic, F- 76600 Le Havre Tel +33 2 35 25 20 93
Persona di riferimento: GILLES René – 14 Rue Paul Marion F-76600 Le Havre
Tel: + 32 2 35 24 42 01 mail rene.gilles@sfr.fr
ARRIVO IN AEREO:
gli aeroporti internazionali più vicini sono Parigi Orly e Roissy CDG
Ci sono bus privati che collegano questi aeroporti con Le Havre (consultare internet) come
pure bus di linea (OUIBUS) che però devono essere prenotati in precedenza. I costi di
questi trasferimenti sono a carico dei partecipanti.
ARRIVO IN TRENO:
Le Havre è raggiungibile giornalmente con il treno in partenza dalla stazione St.Lazare
e con il TGV da Marsiglia e Lione.
La stazione dista 100 m. dalla piscina e gli Hotel sono a 10 minuti dalla stazione e dalla
piscina. Non c'è servizio navetta per questi trasferimenti,  noi accoglieremo e accompa-
gneremo i partecipanti se ci verrà comunicata l'ora di arrivo.
Dati per i bus navetta: www.stvoyageurs.com         www.oceane-transfert-lehavre.fr
                                    www.navette-lehavre.fr         www.kmltransport.fr
                                    www.ouibus.com
INDIRIZZI DEGLI HOTEL: (che saranno assegnati dagli organizzatori)
IBIS                                                                           KYRIAD
Rue du 129e Régiment,                                             Quai Colbert
LE HAVRE TEL 0235210000                                   LE HAVRE TEL. 0235264949

NUMERO DEI PARTECIPANTI: MAX 38 NUOTATORI PER FEDERAZIONE

COSTI DEL SOGGIORNO:  da venerdì sera 26.10 fino a domenica mattina 28.10.2018
€ 99,00 a persona – per venerdì sera cenetta e tempo libero.
Pernottamenti e pasti al di fuori di queste date sono a carico dei partecipanti.

TERMINI PER LE ISCRIZIONI:
presso gli organizzatori entro il 10 settembre 2018
per atleti e accompagnatori
Pagamento entro 23 settembre 2018